ANDREA CERQUIGLINI

Andrea Cerquiglini è nato a Roma, nel 1961. Architetto di professione, si trasferisce a Milano nel 1989, dedicandosi alla progettazione di spazi espositivi, ambienti di lavoro, allestimenti fieristici, oggetti luminosi. Probabilmente geneticamente attratto dall’Estremo Oriente, tra il 2008 e il 2014 ha soggiornato e lavorato per lunghi periodi a Seoul. Eclettico per indole, parallelamente alla professione da sempre coltiva con metodica discontinuità l’espressione artistica, “esigenza irrinunciabile”, come è solito dire.

Perché penne e quaderni?

Complici i molti spostamenti, mi sono ritrovato a usare, per esprimermi, quaderni a righe e penne a gel di colore nero, anni addietro anche altri, poi sempre meno. Apro i quaderni, e mi concentro sulla sola doppia pagina centrale. Il risultato, il quadroquaderno, mi piace poi sospenderlo a mezz’aria, dentro una scatola/cornice, trasparente ma non invisibile.

Disegni, o scrivi?

Se c’è qualcosa che non mi torna, tendo a rimuginarci sopra, in modo circolare, ripetitivo. I problemi, sì, li metto per iscritto. Bizzarro? Possibile, ma nulla rappresenta meglio il mio pensiero di “visto da vicino nessuno è normale”, come cantava Caetano Veloso nella sua “Vaca profana”. Problemi, inquietudini, questioni irrisolte, ma anche tutto ciò che mi passa per la mente, lo butto giù, come una litania, un mantra, una sorta di dripping di parole, lasciate colare sulla carta. Detto questo, a me lo scritto poi interessa unicamente per la sua forza grafica ed estetica, e non è lì per essere letto, quanto meno nelle mie intenzioni. Anzi, vedere qualcuno che cerca di leggere, quasi frugando tra le righe, m’imbarazza un bel po’, se devo essere sincero.

E i Giardini segreti, gli Eremi, i Custodi?

L’architettura non poteva rimanere fuori dai miei pensieri, ed è entrata con forza nei quadriquaderni, ha preso forma in me durante una passeggiata nei dintorni di Trevi, in Umbria, paese di origine di Diana, mia madre, ed in parte anche di Mario, mio silenzioso padre. Nella campagna i casolari sono volumi di pietra, scolpiti tra gli ulivi. 

Forse, nel mio DNA c’è qualcosa di un remoto monaco amanuense, e non solo per lo scrivere, bensì anche per il mondo che rappresento.

Mostre, concorsi, riconoscimenti

2020 - Collettiva FRESH LEGS, Galleri Heike Arndt DK, Berlino (Germania) e Kettinge (Danimarca) | Premio ROSSO PASSIONE, Fondazione Estetica & Progresso, Museo MAGMMA, Villacidro, Sud Sardegna (Italia) - Primo classificato | PREMIO MARCHIONNI, Fondazione Estetica & Progresso, Museo MAGGMA, Villacidro, Sud Sardegna (Italia) - Menzione speciale, sezione pittura | Concorso MALAMEGI LAB 16, Malamegi Lab, 28 Galleria Piazza di Pietra, Roma (Italia) - Finalista | ARTKEYS PRIZE, Associazione culturale Blow-Up e Veleno Idee, Castello Angioino-Aragonese, Agropoli, Salerno (Italia) - 2° classificato, sezione pittura| Concorso on-line SCRIPT II, Envision Art Magazine - 1° classificato Best in show | Concorso BIG Barcelona International Gallery Awards, Cage Gallery, Barcellona (Spagna) - Finalista (in corso) | 2019 - Concorso 2 ART PAPER INTERNATIONAL, Galeria L’Atelier, Huenibach, Thun (Svizzera) - 1° classificato | 2018 – Collettiva ART & DESIGN, showroom A-HUS e Light Now, Seoul (Corea del Sud).

Grid
List

Ci sono 5 prodotti.

Grid
List
Visualizzati 1-5 su 5 articoli

Eremi

Tecnica: inchiostro su quaderno Muji , scatola plexiglass

Misura: 148x48x6 cm

Prezzo
1.311,00 €
  • Nuovo

Giardino segreto verde

Tecnica: inchiostro su quaderno Muji , scatola plexiglass

Misura: 48x48x6 cm

Prezzo
492,00 €

Giardino segreto rosso

Tecnica: inchiostro su quaderno Muji , scatola plexiglass

Misura: 48x48x6 cm

Prezzo
492,00 €

Navale

Tecnica: inchiostro su quaderno Muji , scatola plexiglass

Misura: 148x48x6 cm

Prezzo
1.311,00 €

Giardini segreti

Tecnica: inchiostro su quaderno Muji , scatola plexiglass

Misura: 148x48x6 cm

Prezzo
1.311,00 €